Ormai l’acquisto online si è definitivamente consacrato. L’ho capito quando mia madre ha iniziato a ricevere più pacchi a casa di me.
Si può dire che tutto  iniziò con eBay. Ricordo ancora la mia “prima volta”, un paio di D.A.T.E. rosso rubino, quando ancora le conoscevo solo io e non avevano preso questa preoccupante vena tamarra. Non avendo una postepay, dopo aver letto migliaia di feedback, optai per il primitivo contrassegno, modalità di pagamento oggi leggendaria e quasi estinta. Dopo giorni di trepidante attesa, con tracking improvvisato e impreciso, mi vennero recapitate a casa. Quel giorno nasceva la mia dipendenza, era il 24 giugno 2010.

Da allora, molte cose sono cambiate. eBay ha perso lo smalto di un tempo ed è oggi un gigante in crisi, incapace di stare al passo (sul nuovo) di colossi emergenti più attraenti ed aggressivi. Con il passare degli anni, la convenienza del web rispetto al negozio fisico si è stabilizzata e oggi, la vera sfida, è trovare la migliore offerta tra i diversi negozi online.

Cosa compro?
Generalmente la ricerca di un prodotto inizia in tre modi:

  1. mi serve una tipologia di prodotto, la cerco (es. maglietta estiva)
  2. mi piace un prodotto specifico, lo cerco (es. iPad 32 GB grigio siderale)
  3. acquisto compulsivo di oggetti di cui non ho bisogno e che non posso permettermi (con il senno di poi)

Che sia induttivo o deduttivo, una volta individuato, si cerca di “tirare la coperta” per accaparrarsi il miglior prezzo, destreggiandosi tra sconti, coupon e spese di spedizione. Ecco i nostri suggerimenti!

Amazon, non fermatevi alla prima osteria
Non siate pigri, Amazon non è sempre la migliore soluzione. La creatura di Jeff Bezos è imbattibile su libri e tecnologia ma lascia parecchio a desiderare su abbigliamento e accessori. Se state cercando l’ultimo libro di Fabio Volo o la nuova Polaroid, sarà difficile strappare un prezzo (e un’ assistenza) migliore del loro.  Tuttavia, il catalogo è stato contaminato negli anni da milioni di prodotti mediocri oltre che fiumi di cineserie malcelate. La missione più deprimente è quella di cercare, ad esempio, un paio di Vans: vi si presenteranno centinaia di annunci con fotografie tristi, informazioni  lacunose, recensioni contraddittorie e prezzi imprevedibili (schizzano alle stelle sulle taglie più gettonate).
Inoltre, ben più grave, alcuni avrebbero avanzato dubbi sull’originalità di molti prodotti, specie calzature.

Fece molto scalpore la decisione di Birkenstock di lasciare ufficialmente la piattaforma , colpevole di scarsa trasparenza e una politica ambigua in merito alla contraffazione.

Schermata 2018-05-11 alle 15.27.57
Schermata 2018-05-11 alle 15.28.38
Schermata 2018-05-11 alle 15.29.16

Sull’abbigliamento, prezzi poco chiari e recensioni discordanti

Alternative Amazon ad…Amazon
Se siete proprio clienti affezionati,  almeno non fermatevi ad Amazon.it. Lo stesso prodotto potreste trovarlo su .es, .fr, .de .co.uk a un prezzo leggermente inferiore con una spedizione comunque competitiva senza rinunciare alla professionalità del servizio (mi è capitato di acquistare su amazon.co.uk e e ricevere l’oggetto dal magazzino italiano). Se siete affezionati e ostinati clienti, un modo per risparmiare ulteriormente è quello di cercare sull’Amazon Warehouse. Si tratta di oggetti ricondizionati e garantiti con uno sconto medio del 15%. Non vi preoccupate, i prodotti sono stati completamente revisionati e testati e avrete sempre modo di recedere se noterete qualcosa di anomalo.

In alcuni casi, l’unica differenza rispetto al nuovo è una confezione parzialmente danneggiata! 

Tenete presente che i prezzi di A. sono soggetti a continue fluttuazioni. Se non avete fretta potete monitorarne l’andamento: esistono delle applicazioni che lo fanno per voi. Consigliamo Price Drop Monitor oppure Keepa. Riceverete un alert non appena ci sarà una minima variazione.
Se volete limare ancora qualcosa, cercate il venditore di Amazon o eBay su Google. Spesso si tratta di piccoli negozi “sgangherati”, difficili da trovare durante una normale  navigazione. Nonostante l’aspetto, sono affidabili proprio perché vendono abitualmente sui grossi portali (potete leggerne i feedback). Il vantaggio? Sarà possibile risparmiare sulle commissioni e magari cercare qualche coupon aggiuntivo.

Schermata 2018-05-11 alle 12.22.26
Schermata 2018-05-11 alle 12.22.50

Stessa maglietta, stesso venditore, prezzo differente tra eBay e sito (sfigato). Alle volte la convenienza è anche maggiore! 

Ricerca
Il primo step dovrebbe sempre essere quello di passare dal sito ufficiale. Sfogliate il catalogo e studiate il modello, scegliete la vostra colorazione, annotatevi il nome preciso, il codice prodotto e il prezzo di listino. Cercate immagini “contestualizzate” sulla relativa pagina Facebook e Instagram. I negozi ufficiali hanno, generalmente, un servizio elegante ed impeccabile ma prezzi più alti. Fanno eccezione i saldi stagionali e occasionali (Black friday, Cyber monday).

A questo punto, una semplice ricerca su Google dovrebbe costituire la naturale prosecuzione del vostro shopping online. Diffidate sempre dagli annunci indicizzati, sono quasi sempre delle fregature che vi distraggono dalla vostra ricerca. A seconda della tipologia di prodotto, vi appariranno i principali portali. Proseguendo con l’esempio Vans: Zalando, Yoox, Asos, eccetera. Fatevi un giro. Il catalogo in questo caso è dozzinale, difficile trovare edizioni speciali o marchi di nicchia, ma spesso nel mucchio selvaggio si può restare sorpresi. I prezzi sono mediamente buoni e spingono molto su resi e spedizione gratuita (ulteriore risparmio da considerare). Le fotografie sono molto dettagliate, ci sono modelli e addirittura video-passerelle. Se i bazar non vi convincono, procedete nella vostra ricerca.

E’ buona regola costruirsi, negli anni, una lista di negozi preferiti, nei quali siamo ragionevolmente sicuri di trovare quel genere di prodotto. Questa è la nostra WHITE LIST, in continuo aggiornamento.

 

Coupon
Prima di arrendervi a sborsare, cercate dei codici sconto da inserire al check-out. Scandagliate il sito in cerca di promozioni del momento oppure scrivere su Google “Coupon/Codice sconto/Voucher + nome negozio”. Esistono siti specializzati che raccolgono le promozioni del momento con tanto di clausole e validità. Questa strategia non è applicabile per Amazon che ha una politica restrittiva sui coupon ma funziona benissimo per tanti altri portali grandi e piccoli. In media si riesce a racimolare almeno il 5-10%.

Ultimamente è molto comune che i siti offrano un bonus di benvenuto sul primo acquisto se vi iscrivete alla newsletter (oscilla tra il 10 e il 20% di solito), leggete bene pop-up e slider sulla front page. Se avete già utilizzato la promozione potete utilizzare un secondo indirizzo email, un servizio di mail temporaneo oppure semplicemente inserire il vostro gmail nel formato “email+parolaacaso@gmail.com”.

Vi segnaliamo il 10% di sconto fisso per studenti universitari su asos.com

Ebay, l’usato e l’artigianato
Ebay non è più l'”El Dorado” di un tempo: stanno cercando di rimanere  al passo ampliando la propria offerta quantitativa con inesorabile scadimento qualitativo. Per la tipologia stessa di “negozio di negozi”, è ovviamente difficile garantire uno standard minimo e il nostro consiglio è quello di utilizzarlo con discrezione come “ultima spiaggia”.
Il discorso cambia radicalmente per oggetti unici, rari o da collezione. In questo caso, scandagliando anche i negozi internazionali, eBay è il sistema più rapido per trovare delle vere e proprie chicche.

Non abbiate paura e cimentatevi anche con le aste online. Ricordate sempre di guardare i feedback del venditore, pagate solo con PayPal (divieto assoluto bonifici o ricariche) e stracciate la concorrenza all’ultimo secondo. Il segreto per vincere (quasi) sempre? chiedetecelo in privato!  Non sono da sottovalutare le bacheche usato (subito.it, kikiji). Tra sci anni ’90, televisori a tubo catodico e improbabili mercedes dal chilometraggio ultracentenario, potreste trovare qualche oggetto semi-nuovo o in buono stato  con un risparmio di almeno il 50%. Contrattate sempre! Il subito.it “fighetto” si chiama Depop.

Se siete appassionati di vintage e artigianato, non potete perdere Etsy. Ha format simile a eBay ma è interamente dedicato a manufatti artigianali e chicche démodé. Un mercato delle pulci a casa vostra.

Cineserie
Cover improbabili, accessori e cianfrusaglie. Divieto assoluto di acquistarli su Amazon o eBay. Potete tranquillamente trovarli sui famosi portali cinesi a un prezzo spesso nettamente inferiore. I distributori acquistano grosse quantità dalla Cina per rivenderle con rincari anche del 100-200% sui portali occidentali. Andate alla fonte, aspetterete diverse settimane per la spedizione ma godrete del prezzo originale: Gearbest, Light in the box e Aliexpress.

Quest’ultimo merita un discorso a parte. Chiamato “eBay cinese”, qui vendono principalmente grossisti. E’ buona regola inviare una mail direttamente al venditore cercando di contrattare sul prezzo (spesso si riesce) e richiedendo una spedizione tracciata. Alcuni acquirenti chiedono anche che il pacco sia contrassegnato come “regalo” oppure con un valore irrisorio in modo da incorrere in minori tasse doganali nella rara eventualità che vi vengano addebitate.  Le recensioni sono farlocche ma i prodotti corrispondo sempre alla descrizione.

Trattandosi di oggetti di piccolo valore, nel caso non riceviate l’oggetto (aspettate almeno 3 mesi) scrivete al venditore: sono generalmente molto disponibili al rimborso o al re-invio.

Canali telegram 
Esistono diversi canali Telegram che propongono continuamente offerte e promozioni. Uno dei più celebri è Tariffando disponibile in 4 versioni: Amazon, eBay, Cina e abbigliamento. Una volta iscritti, riceverete notifiche ogni volta che si proporrà qualche sconto imperdibile. Particolarmente utile durante il blackfirday “Tariffando Amazon” che vi aiuterà a focalizzarvi sulle offerte davvero convenienti.

Infine, ricordate sempre le tre regole d’oro per un acquisto sereno ovunque: 1) pagate con PayPal 2) pagate con Paypal 3) pagate con PayPal!